Contattaci

Preventivo rapido

800-011831

Il mio carrello (0)

Attrezzatura e segnaletica per il trasporto di merci pericolose

Bisogno di aiuto? Bisogno di aiuto? Cosa prevede il regolamento ADR? Per il trasporto di materiali pericolosi su strada, i camion devono essere muniti di specifiche targhe ed etichette indicanti la natura della merce e delle attrezzature per gestire gli sversamenti da tenere sui veicoli. In conformità al regolamento europeo ADR, la targa deve essere fissata sul camion in maniera visibile. Quest'ultima consente alle persone coinvolte nella manipolazione di queste sostanze di adottare le misure opportune e ridurre i rischi di incidente.

Scoprite subito le nostre etichette e targhe per il trasporto di sostanze pericolose e i nostri kit ADR completi.

68 oggetto(i)

Acquista per Ordina per

Griglia Lista

FAQ - Trasporto dei prodotti pericolosi


Cosa dice la legge sul trasporto dei prodotti pericolosi?

Esiste un regolamento specifico per ogni tipo di trasporto, che sia marittimo, stradale, aereo, fluviale o ferroviario. Ogni modalità di trasporto presenta delle caratteristiche particolari, che giustificano l'esistenza di regolamenti diversi e specifici. In Europa, il trasporto stradale dei prodotti pericolosi è regolato dall'Accordo europeo relativo al trasporto stradale internazionale delle merci pericolose, definito anche ADR (european agreement concerning the international carriage of dangerous goods by road).

Quali veicoli concerne il regolamento ADR?

Tutti i mezzi di trasporto stradale (camion, camion cisterna, furgoni, utilitarie, ecc.) sono interessati se trasportano prodotti pericolosi. Tutte le sostanze trasportate sono definite dal regolamento e indicate sul davanti e sul retro dei veicoli tramite cartelli arancioni. L’identificazione della natura dei prodotti trasportati consiste nell'indicare un numero corrispondente al pericolo e il numero ONU del prodotto trasportato. Certe targhe arancioni ed etichette simbolizzano anche il o i rischi legati alle sostanze coinvolte.

A cosa corrispondono i numeri “UN” e “ONU”?

Come definito dai diversi regolamenti, per ogni tipo di merce pericolosa esiste un numero di identificazione a quattro cifre. Questo numero consente di individuare facilmente le differenti norme che regolano la manipolazione di tali sostanze, in particolare riguardo all'etichettatura, l'imballaggio, il tipo di trasporto adeguato e il codice di pericolo. Vi si ritrovano, inoltre, le regole concernenti la spedizione e il trasporto di una sostanza pericolosa.

Qual è la classificazione delle sostanze pericolose?

Ritrovate qui di seguito la classificazione delle sostanze pericolose:
Classe 1: Materiali e oggetti esplosivi
Classe 2: Gas compressi, liquefatti o sotto pressione
Classe 3: Liquidi infiammabili
Classe 4.1: Sostanze solide infiammabili
Classe 4.2: Sostanze spontaneamente infiammabili
Classe 4.3: Sostanze che sprigionano gas infiammabili a contatto con l'acqua
Classe 5.1: Materiali comburenti
Classe 5.2: Perossidi organici
Classe 6.1: Materiali tossici
Classe 6.2: Materiali infettivi
Classe 7: Materiali radioattivi
Classe 8: Materiali corrosivi
Classe 9: Materiali e oggetti vari pericolosi

Cosa fare per spedire la merce pericolosa nel rispetto delle norme?

In molti casi, la spedizione di certi materiali pericolosi implica modalità di trasporto diverse tra un punto A e un punto B. Si parla, in questo caso, di catena di trasporto. Le regole variano ogni volta che la modalità di trasporto cambia. È quindi fondamentale prendere in considerazione i differenti regolamenti, al fine di evitare conflitti e difficoltà quando si cambia mezzo di trasporto.
In base al materiale spedito, è obbligatorio un imballaggio autorizzato, il quale dovrà essere etichettato conformemente ai regolamenti applicabili. In funzione della modalità di trasporto, al momento di spedire la merce è indispensabile allegare un documento di trasporto per materiali pericolosi. Per il trasporto stradale, è obbligatorio fornire al trasportatore le misure di sicurezza adeguate.

Al fine di rispettare le regole, il trasportatore deve attrezzare il proprio veicolo in modo adeguato:
  • Per il trasporto di pacchi: una targa arancione neutra davanti e dietro il mezzo. Per il trasporto di materiali sfusi (cisterne, cassoni, ...), occorre esporre anche una targa per prodotti pericolosi dietro e sui lati.

  • Per il trasporto di materiali ad alte temperature: sul retro del veicolo dovrà essere applicata anche una targa con termometro. Se la merce è classificata come pericolosa per l'ambiente, sul retro del veicolo dovrà essere apposta anche una targa di "Pericolo per l'ambiente" (simbolo "pesce/albero morti").

Per garantire il trasporto della merce pericolosa in totale sicurezza, vi raccomandiamo anche di dotarvi di accessori quali liquido per il risciacquo, assorbenti, sacchi della spazzatura, guanti, ecc.

Quali norme devono rispettare le etichette di trasporto per prodotti pericolosi?

Su un pacco, le etichette apposte devono avere delle dimensioni minime di 10x10 cm. In certi casi (pacco troppo piccolo, per esempio), è impossibile rispettare queste dimensioni minime. In questo caso, è possibile optare per un'etichetta di dimensioni adatte. Per quanto riguarda i veicoli di trasporto stradale, le dimensioni minime richieste sono di 25x25 cm. Detto ciò, nella pratica, le etichette per materiali pericolosi si aggirano intorno a 30x30 cm.
In funzione della merce trasportata, sarà necessario apporre una o più etichette di trasporto per materiali pericolosi, in conformità alle informazioni comunicate nella lista delle merci prevista dal regolamento applicabile. Per il trasporto stradale, le classi 1, 2 e 7 richiedono la presenza di un numero ONU sul pacco, mentre per le altre classi occorrerà aggiungere anche la denominazione ufficiale di trasporto. Per tutti i contenitori di volume superiore a 450 l, è obbligatorio apporre le etichette sui due lati. Per il trasporto marittimo, è obbligatorio affiggere il numero ONU e la denominazione ufficiale di trasporto per tutte le classi, senza eccezioni. Per rispettare il regolamento in vigore, che definisce una resistenza delle etichette in acqua di mare pari ad almeno 3 mesi, queste ultime dovranno essere realizzate in vinile (contrariamente al trasporto stradale, che richiede delle etichette in carta adesiva). Anche in questo caso, devono essere etichettate le due facciate dei contenitori che superano i 450 l di volume. Per il trasporto aereo, è necessario affiggere il numero ONU e la denominazione ufficiale di trasporto in inglese per tutte le classi, senza eccezioni. Inoltre, il marchio di ammissibilità per il trasporto aereo, che rappresenta un aereo all'interno di un cerchio, deve essere visibile e apposto vicino al numero ONU.

Prodotti complementari - Trasporto di prodotti pericolosi


Per la massima sicurezza e per essere conformi al Regolamento CLP, etichettate i prodotti pericolosi manipolati o presenti nei vostri locali con le nostre etichette di identificazione per prodotti pericolosi.

In caso di incidenti e versamenti di sostanze chimiche, si raccomanda di essere muniti di Assorbenti per Prodotti chimici e Liquidi pericolosi e di Dispositivi di protezione individuale - DPI adatti.

Mettete in sicurezza i vostri veicoli e la merce pericolosa trasportata, utilizzando dei sigilli di sicurezza.

Per offrirvi un servizio migliore, Seton utilizza dei cookie. Chiudi