Contattaci

Preventivo rapido

800-011831

Il mio carrello (0)

Imbracature e Kit anticaduta

Ogni giorno in Europa un operaio muore in seguito ad una caduta dall'alto. Il rischio di caduta è sempre presente nei lavori in altezza o in prossimità di dislivelli. Per prevenire contro questo tipo di incidenti, Seton vi propone una gamma specifica di imbracature di sicurezza e kit anticaduta progettati specificamente per limitare il rischio di caduta.

25 prodotti

Acquista per Ordina per

Griglia Lista

Acquista per :
Materiale  
Poliammide(6)
Poliestere(5)
Nylon(2)
Elastomero(2)
Kevlar(1)
Acciaio(1)
PVC(1)
Acciaio galvanizzato(1)
Acciaio inossidabile(1)
Larghezza  
115mm(1)
20mm(1)
25.4mm(1)
300mm(1)
440mm(1)
45mm(2)
58mm(1)
Lunghezza  
1 m(2)
1.15 m(1)
1.5 m(1)
104 mm(1)
2 m(4)
218 mm(1)

FAQ - Prevenzione dei rischi di caduta nei lavori in quota

Cosa dice la legge in merito alla prevenzione degli infortuni in quota?

In Italia, le “cadute di persona dall'alto” rappresentano la prima causa di morte sul lavoro. Il maggior numero di casi si registra nel settore delle costruzioni. Spesso l'assenza di dispositivi di protezione o la loro non conformità ne sono la causa. Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro) al capo II "Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota" considera lavoro in quota “l'attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile” (art. 107).

L'art. 111, detta gli obblighi del datore di lavoro in merito ai lavori in quota, come per esempio quello di scegliere le attrezzature di lavoro più idonee a garantire delle condizioni di lavoro sicure ai suoi dipendenti, nel caso in cui "i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche adeguate a partire da un luogo adatto allo scopo".

L'art. 115 prevede che “Nei lavori in quota qualora non siano state attuate misure di protezione collettiva come previsto all’articolo 111, comma 1, lettera a), è necessario che i lavoratori utilizzino sistemi di protezione idonei per l’uso specifico composti da diversi elementi, non necessariamente presenti contemporaneamente, conformi alle norme tecniche quali i seguenti: a) assorbitori di energia; b) connettori; c) dispositivo di ancoraggio; d) cordini; e) dispositivi retrattili; f) guide o linee vita flessibili; g) guide o linee vita rigide; h) imbracature”.

Quali sono i principali rischi nei lavori in quota?

Quando una persona lavora in quota, deve essere informata sui differenti rischi presenti:

  • Il lavoro senza dispositivi anticaduta o con dispositivi anticaduta agganciati male.
  • Il lavoro su strutture fragili come tetti, impalcature o altre strutture.
  • Il lavoro su scale posizionate o fissate male.
  • La caduta dalle scale usate come postazione di lavoro.

Come prevenire i rischi?

Formare i dipendenti

Per limitare il rischio di incidenti, è importante formare i vostri dipendenti ad un uso corretto dei dispositivi di protezione messi a loro disposizione. Il D.Lgs. 81/2008 all'art. 77 (Obblighi del datore di lavoro) comma 5 lettera a), decreta indispensabile l'addestramento per ogni DPI che rientra nella terza categoria prevista dal D.Lgs. 475/1992, che comprende, tra gli altri, “i DPI destinati a salvaguardare dalle cadute dall'alto”. Invitate i vostri dipendenti a proteggersi da ogni pericolo anche minimo, ricordando loro l’obbligo di utilizzare un dispositivo di protezione anticaduta. Per la vostra segnaletica di sicurezza, troverete tutti i cartelli di cui avete bisogno nella nostra gamma completa di Cartelli e pittogrammi di obbligo di indossare dei DPI.

Utilizzare dei dispositivi di protezione individuale

Uomo con attrezzatura anticaduta

In base ai dati Inail più recenti, la principale causa di infortunio sul lavoro è rappresentata dalle cadute dall’alto, con una percentuale pari al 33,1% che in edilizia arriva fino al 55%. Per questo motivo, tutte le persone che operano in quota devono obbligatoriamente indossare dei dispositivi anticaduta. Questi dispositivi (sistema di arresto della caduta), in conformità alle norme europee, si compongono di tre elementi: un dispositivo di ancoraggio, un'imbracatura anticaduta e dei dispositivi di collegamento.

  • Il dispositivo di ancoraggio è indispensabile e rappresenta il dispositivo intermedio tra il punto di ancoraggio (trave, impalcatura, ecc.) e il dispositivo di collegamento (cordino assorbitore, dispositivo anticaduta retrattile, ecc.). La norma EN 795 prevede che un dispositivo di ancoraggio debba resistere a più di 10 kN, pari a 1000 kg per almeno 3 minuti.
  • Le imbracature di sicurezza sono dotate di uno o più punti di ancoraggio, nastri e bretelle regolabili. Tutte le imbracature di arresto caduta che vi proponiamo sono conformi alla norma EN 361.
  • I cordini (norma EN 354) e gli altri dispositivi di collegamento dispongono di un assorbitore di energia che riduce la forza dell'impatto in caso di caduta. I moschettoni o connettori (norma EN 362) consentono di collegare le varie parti del sistema anticaduta. I dispositivi anticaduta retrattili sono degli elementi di collegamento tra il dispositivo di ancoraggio e il punto di attacco dell'imbracatura di arresto caduta. Questi nastri retrattili aumentano la sicurezza del lavoratore.

I kit anticaduta rappresentano una soluzione ideale per disporre in una sola confezione dell'insieme di dispositivi di protezione anticaduta necessario a prevenire il rischio di caduta dall'alto. I nostri kit sono composti da un'imbracatura di sicurezza (conforme alla norma EN 361), un connettore (cordino, dispositivo anticaduta retrattile, moschettone, ...) e un dispositivo di ancoraggio. In ambito professionale, la protezione dei dipendenti spetta al datore di lavoro, che deve mettere a loro disposizione il materiale adatto al tipo di attività svolta. Il sistema di protezione anticaduta è certificato a condizione che non manchi alcun dispositivo e che il materiale sia in perfetto stato.

Utilizzare dei dispositivi di accesso permanenti

Quando operate in quota, è importante organizzare e rendere sicuro il vostro spazio di lavoro. Utilizzate scale, passerelle, impalcature e piattaforme di lavoro per disporre di un accesso sicuro all'area di lavoro. Per evitare qualsiasi rischio di caduta dall'alto, è indispensabile controllare il montaggio e la stabilità delle impalcature installate. Come misura di sicurezza, segnalate quando è vietato utilizzare un ponteggio il cui montaggio è incompleto.

Identificare i diversi fattori di caduta

Il fattore di caduta tiene conto della posizione del punto di ancoraggio rispetto alla testa. Il fattore di caduta determinerà il tirante d'aria e, di conseguenza, il tipo di collegamento. Esistono 3 fattori di caduta:

Fattore di caduta 0 Fattore di caduta 1 Fattore di caduta 2
Schema del fattore di caduta 0, con una distanza tra utilizzatore e terreno ridotta.
Schema del fattore di caduta 1.
Schema del fattore di caduta 2.
Il punto di ancoraggio si trova al di sopra della testa e il cordino è teso tra il punto di ancoraggio e il lavoratore. Il livello di rischio è il meno elevato, essendo la distanza tra l'utilizzatore e il piano inferiore ridotta. La caduta è equivalente alla lunghezza del cordino e non c'è allungamento dell'assorbitore. Il punto di ancoraggio si trova a livello delle spalle, sullo stesso piano o al di sopra del punto di attacco dell'imbracatura. La caduta è equivalente alla lunghezza del cordino prima che l'assorbitore si estenda per frenare la caduta. Il punto di ancoraggio si trova in corrispondenza dei piedi. Il livello di rischio è il più elevato, essendo, la distanza tra l'utilizzatore e il piano inferiore più elevata. La caduta corrisponde a 2 volte la lunghezza del cordino prima che l'assorbitore si estenda per frenare la caduta.

In caso di dubbio sulle distanze, scegliete piuttosto un dispositivo anticaduta retrattile. Questo dispositivo di collegamento necessita solo di pochi centimetri per arrestare una caduta.

Quali sono le differenti categorie di lavoro in quota?

Prima di scegliere una protezione anticaduta, è importante esaminare l'ambiente e la situazione nella quale lavorate. Ogni situazione esige non solo un approccio specifico, ma anche un'attrezzatura adeguata. Le norme europee distinguono 5 categorie di lavoro in quota, che potrete trovare nel riquadro qui sotto insieme alle protezioni adeguate:

Categorie Utilizzo Attrezzatura richiesta
Arresto caduta Evitare che il lavoratore tocchi il suolo in caso di caduta.
  • Dispositivo di ancoraggio
  • Imbracatura di sicurezza
  • Dispositivo di collegamento
Lavoro in sospensione Lavorare sospesi con i piedi nel vuoto e con le mani libere.
  • Dispositivo di ancoraggio
  • Imbracatura di sicurezza
  • 2 funi (una di lavoro con discensore e una di sicurezza con un dispositivo guidato)
Trattenuta* Impedire al lavoratore di raggiungere una posizione dalla quale potrebbe cadere.
  • Dispositivo di ancoraggio
  • Imbracatura di sicurezza completa
  • Dispositivo di collegamento (cordino di trattenuta)
Salvataggio* Procedere al salvataggio e all'evacuazione di un lavoratore infortunato in quota. Dispositivo di salvataggio ed evacuazione
Posizionamento sul lavoro Sostenere e mantenere in posizione stabile il lavoratore nella sua postazione di lavoro.

* I dispositivi per il salvataggio e per la trattenuta non sono disponibili nella nostra gamma.

** Se scegliete unicamente la cintura di posizionamento sul lavoro, la vostra attrezzatura non vi proteggerà in caso di caduta. Per arrestare una caduta, è obbligatoria un'imbracatura di sicurezza completa.

Qual è la durata di vita del materiale di protezione anticaduta?

Un attrezzatura anticaduta ha una durata massima di 10 anni a contare dalla data di fabbricazione del prodotto. Tuttavia, occorre considerare l'utilizzo che se ne fà (intensivo o occasionale) e i fattori ambientali che possono ridurre la durata di vita del vostro materiale. In ogni caso, in base alla norma europea EN 365, una volta all'anno è obbligatorio eseguire un'ispezione da parte di una persona competente e opportunamente formata. Considerate anche che, se la vostra attrezzatura ha subito una caduta dall'alto, è obbligatorio sostituire i componenti che hanno arrestato la caduta, anche se non sono danneggiati.

Per la manutenzione della vostra attrezzatura, utilizzate dell'acqua fredda e limpida con un detergente delicato. Strofinate con una spazzola e lasciate asciugare in un luogo ben aerato. Evitate di utilizzare una fonte di calore per asciugarla.

Prodotti complementari - Prevenzione nel lavoro in quota

Oltre ai dispositivi anticaduta, Seton mette a vostra disposizione una gamma completa di Dispositivi di Protezione Individuale nella quale potrete trovare tutto il necessario per la protezione dei vostri dipendenti. Dai caschi di sicurezza alle scarpe antinfortunistiche. Per intervenire il più rapidamente possibile in caso di caduta, prevedete anche un attrezzatura di primo soccorso.

Proteggetevi contro i rischi di caduta in piano, utilizzando i nostri prodotti antiscivolo.

Per offrirvi un servizio migliore, Seton utilizza dei cookie. Chiudi